bg-country-switch
Wound Care

Prevenzione e Cura delle lesioni da pressione per uso prolungato di mascherine

Operatori Sanitari - Emergenza COVID-19

Prevenzione e Cura delle Lesioni da Pressione

Il 5 aprile 2020 l’Associazione Infermieristica per lo studio delle lesioni cutanee (AISLEC) con la pubblicazione del documento “Prevenzione e Cura delle Lesioni da Pressione da utilizzo di Dispositivi di Protezione Individuali (DPI)” ha fornito le indicazioni per la prevenzione della comparsa di lesioni da pressione da utilizzo di DPI.

Il documento è destinato esclusivamente al personale sanitario che utilizza maschere facciali FFP2 / FFP3 e/o occhiali di protezione.

Il documento, citando le “Linee Guida NPUAP/EPUAP/PPPIA 2019”, chiarisce quali siano le medicazioni da utilizzare da parte degli operatori sanitari, specifica le aree in cui vanno posizionate  e definisce la procedura corretta da seguire per l’applicazione delle medicazioni.

La scelta della medicazione

Le medicazioni raccomandate che hanno dimostrato maggior efficacia sono medicazioni di protezione tipo idrocolloide o schiuma di poliuretano da posizionare al di sotto dei dispositivi medici.

Al fine di guidarvi nella scelta del giusto prodotto a seguire la nostra proposta:

  • Permafoam Classic (medicazione in schiuma di poliuretano)

  • Hydrocoll Thin (medicazione idrocolloide)

Dove posizionare la medicazione

Se l’operatore indossa maschere facciali la medicazione va posizionata su dorso del naso e sugli zigomi, se vengono indossati occhiali protettivi va posizionata a livello della fronte, come indicato nel disegno esemplificativo di AISLEC.

Entrambe le soluzioni proposte (Hydrocoll Thin e Permafoam Classic) permettono il taglio della medicazione senza inficiare sul suo corretto funzionamento.

Importante ricordare di smussare gli angoli al momento del taglio della medicazione.

Procedura per l’applicazione della medicazione

  1. Detergere la cute come d’abitudine;
  2. Asciugare con cura, tamponando;
  3. Scegliere la medicazione di protezione valutando la cute, la sede e le necessità specifiche dell’operatore sanitario;
  4. Sagomare la medicazione, smussando gli angoli e se necessario ritagliarla nelle dimensioni più adatte all'uso
  5. Applicare la medicazione evitando grinze o bolle di aria per assicurare aderenza e stabilità in tutte le aree a contatto con il DPI;
  6. Indossare i DPI come da procedura assicurandosi di non spostare la medicazione di protezione;
  7. Alla rimozione, in caso di utilizzo di idrocolloide, sollevare un bordo e tirare creando una tensione tangenziale alla medicazione stessa e rimuoverla delicatamente, evitando strappi;
  8. Detergere e idratare la cute.

Per maggiori approfondimenti il documento può essere consultato cliccando sul seguente link:

https://www.aislec.it/assets/Uploads/Documento-AISLeC-Prevenzione-e-Cura-delle-LdP-da-utilizzo-di-DPI2.pdf